Posted in Dire fare amare

Miele: il nettare prezioso della operosi api

Miele: il nettare prezioso della operosi api Posted on 15/05/2018Leave a comment

Ingrediente settimana: Miele

Il miele è un nettare davvero goloso e dalle mille proprietà, creato dalle operosi e generose api!

Il miele è un ingrediente che non manca mai nelle nostre dispense. Perché è un ottimo dolcificante, perché fa bene per i suoi nutrienti e perché veniamo da una zona di Italia dove se ne produce moltissimo, il Biellese.

Come nasce il dolce miele

Il miele è il prodotto della trasformazione delle secrezioni delle operosissime api, che vanno in giro per il mondo a raccogliere il nettare dai fiori.
La melata è invece la trasformazione delle secrezioni di alcuni insetti, ma per ora ci concentreremo sul miele!

Il miele è il risultato non solo però del lavoro della api, bensì dal lavoro delle piccole operai nel produrlo e dell’uomo nell’estrarlo, invasettarlo e renderlo commerciabile.
Le api immagazzinano nelle cellette tutto il raccolto e questo viene estratto mediante la centrifugazione. Viene lasciato decantare in appositi contenitori per poi versarli nei vasetti, etichettarli e venderli!

 

 

Composizione chimica

Per 100 g di dolce miele troviamo: 17,1 g di acqua, 82,4 carboidrati totali; 38,5 g di fruttosio, glucosio 31 g, maltosio 7,2 g, saccarosio 1,5 g, proteine amminoacidi e minerali 0,50 g. 304 kcal! Si trovano in quantità molto piccole, ma pur sempre presenti, le vitamine: Tiamina, Riboflavina, Niacina, Acido Pantoteico, Piridossina (B6), Acido ascorbico (vit. C). Minerali: Calcio tra i 4,4 e i 9,20 mg, Rame tra lo o,oo3 e 0,10 mg, ferro 0,06 e 1,5 mg, magnesio tra 1,2 e 1,5 mg, manganese tra lo 0,02 e lo 0,4 mg, potassio 13,2 e 16,8, sodio tra lo 0 e 7,60 mg e lo zinco tra lo 0,03 e lo 0,4 mg. Una bomba, grazie api!!!

Virtù e controindicazioni

Il miele dovrebbe essere usato al posto dello zucchero bianco, che è una vera e propria sostanza dannosa, frutto di troppa raffinazione.
Essendo un alimento molto energetico, composto da zuccheri semplici (fruttosio-glucosio) è facilmente digeribile dal nostro organismo.
Contiene molti enzimi,vitamine, oligominerali, sostanze che favoriscono i processi di accrescimento e antibiotico-simili utili per aiutare il processo di guarigione naturalmente un cucchiaino alla volta! Quali sono le sue qualità?
Ha un effetto decongestionante e calmante per la tosse; aiuta ad aumentare la potenza e resistenza fisica dei muscoli, ha un azione cardiotropa, quindi aiuta il cuore! Ha azione protettiva e disintossicante per il fegato e per l’apparato digerente per il quale è anche  stimolante e regolatore. Ha azione diuretica, quindi aiuta i reni e aiuta ossa e sangue grazie alla presenza di magnesio e calcio.

Sarebbe meglio non eccedere: un consumo costante di 20/30 g/die in sostituzione dello zucchero raffinato, salvo controindicazioni (es. diabete) è più che sufficiente!

In cucina

Il miele è presente nella nostra cultura gastronomica da sempre! Ci sono svariate ricette e usi del miele essendoci tantissimi tipi di miele. A seconda delle proprietà si possono utilizzare le varietà giuste per le ricette che più amiamo.
Il miele di tiglio è utile in caso di insonnia e di eccitabilità nervosa, per calmare i nervi e i nostri piccoli cuccioli! I mieli di timo e di eucalipto sono perfetti in caso di infezioni respiratorie.
Le mammotte amano molto anche il miele di agrumi nei dolci e per aiutare i cuccioli in inverno, per le sue proprietà antispasmodiche e sedative. Un ottimo miele per rimineralizzarci da dentro è quello di castagno, molto usato anche in pietanze salate per il gusto particolarmente amaro e goloso. Il miele di rosmarino aiuta il fegato. Come usarlo? Qualche cucchiaino nelle tisane, usato come dolcificante o per creare salse vellutate e dal profumo inconfondibile. Sbizzarritevi a cucchiaiate!

Curiosità

Ma lo sapete che il miele è il frutto di un lavoro pazzesco delle instancabili e operose apine?
Pensate che per produrne un 1 kg, un’ape deve volare per circa 150,000 chilometri, quindi 60,000 voli d’andata e ritorno dall’arnia ai fiori.
Ogni alveare raccoglie il nettare di fiori nel raggio di 3 km, l’equivalente di 4 mila campi da calcio!
In una giornata le api riescono a visitare e a suggiare fino a 225,000 fiori.
Non è incredibile? Che gusto buono ha ora questo nettare!

Vi è piaciuto questo articolo pieno di curiosità e informazioni utili?
Ogni settimana sceglieremo un ingrediente e lo analizzeremo insieme.

Buona merenda a tutti!

Se volete scoprire le caratteristiche, usi e qualità di un ingrediente, segnalatecelo!

Per altri consigli e rimedi naturali seguiteci e andate nella sezione rimedi e consigli naturali.

Bio Box Merende Golose

La bio box merende golose è arrivata!

La nostra collaborazione con EcomarketBio continua! Per tutti i bambini golosi una box piena di golosità comodamente a casa!

Ordinate la vostra scorta di bontà! Ecco la nostra Bio Box Merende Golose!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.